Perchè utilizzare la geolocalizzazione nella programmazione del cronotermostato smart Rialto?

Puoi evitare consumi inutili!

Prima di tutto: cosa è la geolocalizzazione?
E’ il posizionamento GPS su mappa di un dispositivo: lo smartphone o tablet si connette ai satelliti per triangolarne la posizione e collocarlo sul suolo terrestre.
Si utilizza comunemente questa funzionalità quando ci si serve di un navigatore satellitare per avere delle indicazioni stradali per raggiungere un certo punto.
Abilitare la funzione di geolocalizzazione su uno smartphone o tablet Apple e configurare un programma del cronotermostato Rialto che consideri la distanza da casa può permettere di ottimizzare al meglio i consumi: basandosi non solo sulle abitudini ricorrenti ma sulla effettiva distanza dall’abitazione permette di comandare il riscaldamento automaticamente solo quando effettivamente si esce o si è sulla via di casa.

Siamo sempre stati scettici riguardo l’utilizzo della geolocalizzazione sui nostri smartphone: il più grande dubbio è sempre stato il consumo della batteria.

Grazie però al velocissimo sviluppo tecnologico di smartphone e tablet (migliori sensori GPS a basso consumo e batterie maggiorate) i consumi sono diventati decisamente accettabili, sia in senso assoluto che se comparati al maggiore comfort che possono produrre!

Spesso ci si trova a rincasare più tardi del solito: qualche ora di straordinario al lavoro, traffico nel tragitto lavoro-casa oppure un qualsiasi impegno imprevisto cambiano la routine giornaliera.

Chi è dotato di un cronotermostato tradizionale utilizza la semplice programmazione su base oraria. Rientrando tardi però capita di sprecare dell’energia nel scaldare gli ambienti quando non c’è nessuno in casa o in arrivo…

Utilizzando il cronotermostato smart Rialto ed introducendo la variabile della distanza da casa si possono facilmente eliminare questi consumi inutili!

Ad esempio, assegnando il programma Comfort Plus alle fascie orarie nelle quali si potrebbe essere a casa e settando la distanza minima a 3 chilometri, quando si entra nel raggio dei 3km da casa Rialto accenderà il riscaldamento per far trovare i termosifoni e gli ambienti già caldi.

In questa configurazione Rialto passerà alla modalità Comfort ed inizierà quindi a scaldare la casa per portarla a 21,0 gradi solo quando si entra nel raggio dei 3km dall’abitazione. Fino a quando questa condizione non si verifica la temperatura obiettivo resta quella della modalità Off (7,0 gradi in questo caso).

Dal menu di impostazione delle temperature delle varie modalità (Off, Eco, Eco Plus, Comfort e Comfort Plus) si può scegliere di non passare a Off ma alla modalità Eco (17,5 gradi). Questa opzione può essere particolarmente utile per gli utenti con riscaldamento a pavimento, che comunemente non viene spento ma si cerca di sfruttarne al massimo il volano termico.

Come si configura la geolocalizzazione?

Cliccando sul menu in alto a sinistra, accedendo alle Preferenze e poi entrando in Localizzazione si può abilitare lo switch “Usa geo-localizzazione“.

Successivamente bisogna fissare sulla mappa il punto dove si trova la casa utilizzando il comando Home locator ed inserendo l’indirizzo della propria abitazione. Una volta fissato il punto corretto si può tornare indietro ed impostare la distanza minima entro la quale Rialto agirà sul riscaldamento: 500 metri, 1, 1.5, 2, 2.5 oppure 3 chilometri).

Android fornisce una funzionalità aggiuntiva per la geolocalizzazione rispetto ai dispositivi Apple.
Si può decidere di non utilizzare il segnale GPS ma bensì considerare come evento descrivente l’arrivo in casa di un’inquilino la connessione di quest’ultimo alla rete Wi-Fi domestica. In sostanza, quando il dispositivo si connette alla rete Wi-Fi domestica Rialto sa che l’utente è arrivato a casa e che quindi deve, se programmato per farlo, agire di conseguenza.

Naturalmente è sottointeso il fatto che la portata di qualsiasi rete Wi-Fi di casa è decisamente inferiore alla distanza minima impostabile utilizzando la posizione GPS: è importante tenerne conto al momento della configurazione del programma orario settimanale del cronotermostato smart Rialto.

Questo tutorial è disponibile anche per gli utenti che utilizzano dispositivi Apple iOS